Genitori di disabili: nuovi eretici

11/06/2018

È possibile confondere il progetto individuale con il piano riabilitativo individualizzato (PRI)?

È possibile, cari amici, richiedere un progetto di vita, un progetto che preveda la vita di una persona, ex L. 328/2000 oppure come da L. 112/2016 e relativo decreto attuativo e avere in risposta l'elenco delle attività che la persona svolge, comprese le attività create, organizzate, sostenute e realizzate dai genitori?

È possibile?

È possibile confondere la partecipazione con la comunicazione - condivisione?

È possibile, come genitori e tutori, chiedere di partecipare, fin dalle fasi inziali, alla realizzazione del progetto del proprio figlio e sentirsi rispondere “il progetto lo facciamo noi e poi lo condividiamo con voi...”?

È possibile? È la stessa cosa partecipare e condividere la comunicazione?

È possibile provare a non essere d'accordo su queste cose e sentirsi rispondere con una chiusura totale sulla cosa?

È possibile che si dica “la fase di progettazione è “istituzionale” e la fanno i servizi, poi si condivide con voi”?

È possibile?

Potrei andare avanti ma mi fermo.

Molte famiglie hanno chiesto al sindaco del proprio comune, alla ASL, alla SdS la progettazione del progetto individuale per i propri figli.

Le risposte? Silenzio o risposte che qualcuno di voi che legge potrà ritenere impossibili!

Infatti la risposta è stata: “c'è già tutto” ed ecco il PRI al posto del progetto individuale e la condivisione al posto della partecipazione con alcune risposte della SdS a qualche nostra domanda:

chi fa la progettazione? “noi”

chi decide chi partecipa? “noi”

chi sceglie il case manager?(figura prevista come indispensabile nel progetto individuale)“noi”

e soprattutto lo stupore a cui siamo costretti ad assistere, stupore accompagnato dalla frase di rito “con tutto quello che abbiamo fatto per lui e per voi”.

E allora un'altra domanda, diritto o cocessione?

Quante domande.

Alcune famiglie, ingrate, alla fine, stufe, frustrate, avvilite dalle risposte, non vedendo riconosciuto il diritto dei propri figlioli così come è ben scritto nelle leggi, si sono rivolte alla legge, al tribunale amministrativo.

“Quale affronto! Come si osa!”

Ed ecco che si è scatena il fuoco di fila delle amministrazioni che, invece di provare a capire perché si è arrivati a tanto, perché questi genitori si ostinano a voler essere protagonisti della costruzione della vita del proprio figliolo, (cosa che appare assolutamente naturale) le amministrazioni assoldano avvocati, migliaia di euro per ricondurre genitori e famiglie in difficoltà alla ragione, ricondurre alla ragione questi nuovi eretici che osano chiedere ciò che non gli è concesso e che, addirittura, hanno osato rivolgersi alla magistratura. Ingrati!

 

Quesi genitori siamo tutti noi, siamo noi che continueremo a batterci perché i nostri figli abbiano una vita e non solo un'assistenza,

a batterci perché i nostri figli abbiano un diritto ad una vita e non solo una concessione compatibilmente con risorse, impegni, programmi, siamo noi, che ci rialzeremo dopo ogni sconfitta con la solita determinazione e forza.

L'ultima udienza di questa prima fase si è tenuta il 6 giugno scorso.

Speranze per i piccoli genitori di vincere sono minime contro il fuoco di fila e la forza delle amministrazioni compatte. In fondo “c'è già tutto”.

Ma qualunque sarà l'esito noi continueremo nel segno del diritto e saremo sempre al fianco dei nostri figlioli da soli o con chi vorrà essere con noi a fianco dei più deboli

 

Marino Lupi

Newsletter

Inserisci la tua mail
Leggi l'informativa sulla privacy

Notizie

Riportiamo con piacere sulle pagine del nostro sito  il

Martedì 14 giugno la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva un disegno di legge che sui social network e sui...

La Regione Toscana intende favorire la vita di relazione e l'inclusione sociale delle persone con...

Delibera regione Toscana N 393 del 30-03-2015

Pubblichiamo e mettiamo a disposizione dei nostri lettori e di tutti gli amici dei...