Buone prassi da seguire davanti al rischio che una persona con grave disabilità contragga il covid vivendo in casa famiglia

16/12/2020

L’associazione “ASMeD Associazione per lo studio dell’assistenza medica alla persona con disabilitàassieme alla Società Italiana di Ergonomia e Fattori Umani ha elaborato delle indicazioni operative igienico-sanitarie ed ergonomiche per la gestione del rischio COVID-19 con le persone con disturbi del neurosviluppo e/o disabilità intellettiva, nelle strutture ospedaliere, in quelle semiresidenziali, residenziali e negli inserimenti lavorativi.

Il documento è stato redatto da professionisti membri delle due associaizoni, sulla base della propria esperienza professionale durante la gestione della pandemia da SARS-CoV-2.

 

L'obbiettivo del documento è rimettere al centro le persone e costruire le risposte attorno ai più fragili. Così facendo gli ambienti di vita e di cura, i protocolli e le prassi (che di seguito proponiamo) verranno di conseguenza.

 

In conclusione “i principi pratici” sono:

 

• I pazienti con disabilità hanno diritto a ricevere le cure più adeguate alle loro necessità e al loro stato di salute, su base di eguaglianza con gli altri.

• I pazienti con disabilità non devono subire discriminazioni per la loro condizione di disabilità.

• È necessario che i bisogni delle persone con disabilità siano rappresentati negli organi decisionali per la gestione della pandemia, a livello regionale e nazionale.

• Il principio delle residenzialità a misura di persona, di nucleo familiare, dovrebbe essere un elemento fondante nella gestione del rischio da contagio Covid-19, avviando così tutte le riorganizzazioni possibili nel breve e medio periodo, seguite da una riforma generale nel lungo periodo.

• I principi e metodi ergonomici del design for all – “progettazione universale” dovrebbero guidare gli interventi di progettazione, riprogettazione e accomodamento degli ambienti di vita e di cura, degli arredi, degli oggetti d’uso quotidiano.

• Le persone con disabilità, nella prevenzione, così come nei percorsi clinici, diagnostico terapeutici, hanno il diritto di vedere applicato il principio dell’accomodamento ragionevole. Tra questi rientrano:

- esecuzione di test di provata affidabilità, che comportino una minor invasività ed una maggiore tolleranza (salivare, nasale superficiale), in sostituzione del tampone nasofaringeo e in caso di indisponibilità, adottare procedure di prevenzione adattate;

- presenza di accompagnatore durante la degenza ospedaliera;

- rendere possibili le visite dei familiari nelle residenze;

- rendere possibili le uscite delle persone con disabilità dalla residenza, nel rispetto delle misure di prevenzione necessarie;

- rendere possibili le normali attività delle persone con disabilità, alla stregua della popolazione generale;

- organizzare uno spazio vitale per le relazioni negli ambienti in cui prestare l’assistenza in caso di contagio da Sars-CoV-2 in condizioni asintomatiche e sintomatiche

• Sarà necessario dare priorità alle persone con disabilità residenti nelle RSD, nelle case famiglie e agli operatori, nella somministrazione del vaccino quando disponibile.

Leggi il documento per intero:

 

 Indicazioni operative Covid_19_disabilità intellettiva def 05_12_2020 TB   

 

 ALLEGATI  Indicazioni operative Covid19 residenze CDD

 

 

Newsletter

Inserisci la tua mail
Leggi l'informativa sulla privacy

Notizie

L’associazione “ASMeD Associazione per lo studio dell’assistenza medica alla persona con...

Il covid 19 ha cambiato la nostra società, i nostri modi di vivere, spesso i nostri modi di pensare. Molte aziende, molte attività...

I soci del Calzaturificio Freeland di Fucecchio, guidati da Claudio Tiezzi, hanno deciso di continuare a camminare accanto agli Ortolani...

Sostieni e premia la nostra attività, l'attività di Autismo Toscana. Premia il nostro coraggio nel portare avanti la battaglia...

Comunicato Stampa del Coordinamento Regionale Toscano delle Associazioni per l'Autismo

 

Disabilità e...