questionario urgente carenza insegnanti di sostegno - diffusione

21/09/2018

Inizia la scuola e siamo alle solite. La scuola non inizia per tutti. Anche quest'anno per gli studenti e gli alunni con disabilità si stanno registrando in tutta Italia le solite difficoltà di sempre. Quanti alunni o studenti con disabilità non hanno iniziato l'anno scolastico insieme ai compagni di classe, il primo giorno? Quanti hanno dovuto accettare un orario ridotto. Quanti quest'orario ridotto lo dovranno accettare tutto l'anno. La carenza di insegnanti di sostegno è drammatica. Fra quelli che ci sono la competenza e la formazione la troviamo in minima parte. Perchè tutto questo? Perchè a fronte dei soliti proclami ai nostri figli non è di fatto riconosciuto il diritto alla scuola, all'istruzione? Ci vantiamo di avere leggi sull'integrazione scolastica molto avanzate, dimenticandoci che queste leggi sono spesso enunciazioni di principi, perchè viene un giorno in cui ti convoca il solerte dirigente scolastico che ti comunica   "...non dipende da me, lei capirà, come si fa... dal ministero... dall'ufficio scolastico regionale... non mi mandano inseganti di sostegno...io vorrei, lei capisce" "ma l'insegnante di sostegno è alla classe, e gli inseganti curriculari?" -prova a rispondera la mamma -  "lei ha ragione, ma capirà, ora vediamo gli orari, intanto sentiamoci la prossima settimana, le prometto che faccio il massimo" risponde il dirigente. E così la mamma se ne va da scuola con la morte nel cuore. e inizia così l'anno scolastico in molte parti d'Italia per i nostri figli. Per la situazione quest'anno particolarmente drammatica la FISH (Federazione Italiana Suoeramento Handicap) ha deciso di avviare un sondaggio alla luce delle denunce che stanno pervenendo da tutte le Regioni (direttamente al ministero, alle associazioni, agli organi di stampa o sui social) non solo da parte delle famiglie, ma anche dagli stessi docenti e dirigenti scolastici riguardo la carenza degli insegnanti di sostegno e delle figure professionali necessarie all'inserimento e inclusione scolastica degli studenti con disabilità.   

Autismo Toscana aderisce a questa campagna e contribuisce alla diffusione del sondaggi.

Per facilitare il lavoro di raccolta dei casi e la loro trasmissione successiva al Ministero dell’Istruzione, il questionario sarà online e potrà essere compilato al seguente link:

http://www.fishonlus.it/2018/09/21/sostegno-a-scuola-un-sondaggio-per-le-famiglie/

chiediamo pertanto di diffondere questa comunicazione a tutti i vostri soci e alle vostre sezioni o associazioni aderenti con l’invito a compilare il questionario anonimo (molto veloce) per ciascun alunno cliccando sul bottone "COMPILA IL QUESTIONARIO" e dopo la compilazione cliccando su "INVIA".

Sarebbe importante avere un consistente numero di dati quanto prima in quanto, pur non avendo velleità di attendibilità statistica, i risultati verranno presentato durante l'incontro urgente che la FISH sta richiedendo al MIUR per rivendicare il diritto allo studio delle persone con disabilità, perché la scuola inizia lo stesso giorno per tutti!. 

testimoniamo tutti il disagio e le difficoltà che tutti noi incontriamo nella scuola-

la scuola è un nostro diritto.

Newsletter

Inserisci la tua mail
Leggi l'informativa sulla privacy

Notizie

Riportiamo con piacere sulle pagine del nostro sito  il

Martedì 14 giugno la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva un disegno di legge che sui social network e sui...

La Regione Toscana intende favorire la vita di relazione e l'inclusione sociale delle persone con...

Delibera regione Toscana N 393 del 30-03-2015

Pubblichiamo e mettiamo a disposizione dei nostri lettori e di tutti gli amici dei...