L'inclusione per il TEACCH

L'INCLUSIONE SCOLASTICA SECONDO IL TEACCH

di: staff TEACCH, Chapel Hill TEACCH Center
Traduzione: Autismo Sardegna

"Inclusione" e' il termine coniato per descrivere l'argomentazione filosofica che i bambini con handicap mentali, fisici o emotivi, hanno diritto ad una educazione integrata all'interno della istruzione pubblica. Sebbene vi siano diversi gradi di inclusione, in maggior parte i suoi fautori sostengono la tesi che l'isolamento e la 'separazione dei bambini per diagnosi o handicap, non e' nel migliore interesse del bambino stesso.
I sostenitori dell' "inclusione totale" argomentano che i bambini dovrebbero essere integrati nelle classi regolari per tutto il tempo.

La posizione filosofica relativa all'inclusione e' basata principalmente su due ragioni:

  1. Racchiudendo i bambini in classi o programmi speciali si nega a questi bambini l'accesso alle classi normali, o gli si nega l'accesso ad esperienze normali;

  2. I servizi di isolamento e separazione non hanno prodotto una adeguata educazione per gli studenti handicappati.

Mentre le motivazioni per l'inclusione paiono simili a quelle relative all'integrazione totale, ci sono pero' importanti differenze.
Per ottenere l'integrazione totale dei bambini handicappati, essi sono stati integrati solitamente solo dopo che riuscivano a dimostrare di poter partecipare con successo nelle attivita' regolarmente programmate nelle classi normali. I fautori dell'inclusione sostengono spesso che gli sforzi per una integrazione totale avevano forzato il bambino handicappato a "guadagnarsi" il tempo nel setting integrato, e sostengono inoltre che ciascun bambino ha il diritto di essere incluso, e che devono essere resi disponibili dentro le aule delle classi regolari i servizi di supporto necessari e gli adattamenti all'handicap del bambino.

Bagaglio culturale e base razionale.
La Division TEACCH e' stata una guida nel campo dei servizi educativi per bambini con autismo per oltre due decenni. Durante questo periodo, il TEACCH ha sostenuto ed aiutato a sviluppare qualificati programmi per studenti con autismo, coerenti col mandato istituzionale per una educazione in un "ambiente minimamente restrittivo". Anche prima dell'emanazione della Legge Pubblca n° 94-142 (a meta' degli anni '70), il TEACCH era presente in classi della scuola pubblica. Successivamente, con l'avvento della Legge Pubblica 94-142, il TEACCH ha aiutato il Dipartimento della Pubblica Istruzione del Nord Carolina a sviluppare servizi educativi appropriati per i bambini con autismo all'interno del sistema scolastico statale. Quasi tutti questi programmi erano in normali scuole elementari, molte delle quali non avevano mai servito bambini speciali.

Mentre stimola fortemente e promuove esperienze "normalizzanti" per gli studenti con autismo, il TEACCH ha anche aderito ad altri principi, egualmente importanti. Questi includono: individualizzaizone, affidamento su approcci basati sull'esperienza pratica anziche' su basi solo ideologiche, e trattamento ed educazione che inizino con una enfasi sulla comprensione del problema dell'autismo.
L'elaborazione e resa operativa di questi principi ha portato ad una rete di programmi educativi in tutto il Nord Carolina. Tra le varie opzioni sviluppate, uno puo' trovare sia classi intensive specializzate ed altamente strutturate per bambini autistici, sia classi inter-tematiche che servono uno o piu' studenti con autismo, che classi regolari che servono uno o piu' studenti con autismo.

In diverse occasioni, le ambientazioni per bambini con autismo implicano una combinazione di diversi settings educativi; l'individualizzazione, quando espressa in modo appropriato, conduce all'unica soluzione ottimale per lo specifico studente, basata sulle sue necessita' anziche sull'ideologia.
L'eterogeneita' che si osserva nell'autismo richiede molte opzioni e possibilita', non una soluzione uguale per tutto.

La posizione del TEACCH riguardo l'inclusione dei bambini con autismo puo' essere espressa come segue:

  1. Il programma TEACCH riconosce l'importante valore di preparare tutte le persone con autismo ad agire con successo nella societa'. A ciascuna persona con autismo dovrebbe essere dato un insegnamento mirato alla operativita' con successo con le minime restrizioni possibili.

  2. Le decisioni riguardo l'inclusione dei bambini con autismo in settings ad integrazione totale devono essere effettuate coerentemente col principio dell' "ambiente minimamente restrittivo", come principio guida. A nessuna persona con autismo dovrebbe essere inappropriatamente o senza necessita' negato l'accesso ad attivita' educative significative.
    Comunque si dovrebbe osservare che che il concetto di "ambiente minimamente restrittivo" richiede che si avviino degli insegnamenti appropriati, e decisioni riguardo la disposizione richiedono anche che lo studente si ain grado di apprendere significativamente dentro il setting prescelto.

  3. Dovrebbero essere offerte ai bambini con autismo attivita' che siano inclusive, basate su una valutazione individualizzata delle capacita' ed abilita' di agire e partecipare nel setting. Le attivita' inclusive sono appropriate solo quano precedute da una adeguata valutazione, e da attivita' di pre-inserimento, quale un adeguata preparazione. Le attivita' inclusive solitamente richiedono il supporto di da professionisti esperti di autismo che possono dare una assistenza e una valutazione obbiettiva dell'appropriatezza dell'attivita'.

  4. L'inclusione non dovrebbe mai sostituire un insieme ad ampio spettro di servizi, per l'ampio spettro di necessita' dei differenti studenti con autismo. L'integrazione totale dovrebbe esser offerta a tutte le persone con autismo che siano capaci di successo in setting totalmente integrati, mentre per gli altri studenti con autismo si puo' immaginare una inclusione parziale.
    Infine, scuole speciali e classi speciali dovrebbero essere tenuti disponibili come possibilita' per quegli studenti con autismo per i quali questo tipo di setting siano i piu' significativi ed appropriati.

 © Autismo Sardegna  onlus affiliata Autismo Italia


 

Newsletter

Inserisci la tua mail
Leggi l'informativa sulla privacy

Notizie

Riportiamo con piacere sulle pagine del nostro sito  il

Martedì 14 giugno la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva un disegno di legge che sui social network e sui...

La Regione Toscana intende favorire la vita di relazione e l'inclusione sociale delle persone con...

Delibera regione Toscana N 393 del 30-03-2015

Pubblichiamo e mettiamo a disposizione dei nostri lettori e di tutti gli amici dei...